VENDITA - NOLEGGIO - ASSISTENZA | +39 0143 80169 | [email protected]

Piattaforme mobili elevabili: normativa per lo sbarco in quota

Home » News » Piattaforme mobili elevabili: normativa per lo sbarco in quota

Le piattaforme di lavoro mobili elevabili (cosiddette ple) sono macchine industriali impiegate nelle operazioni che richiedono di sollevare un operatore da terra. Imprese edili, elettricisti, giardinieri, imbianchini e molti altri professionisti si avvalgono delle sue funzionalità per superare le barriere naturali e ottimizzare le attività.

In alcuni casi gli addetti sulla piattaforma potrebbero avere la necessità di salire su un punto più alto e scendere dal cestello per lavorare liberamente. Questa pratica è conosciuta come sbarco in quota e rappresenta una delle manovre più pericolose nell’utilizzo delle ple.

Affinché un lavoratore possa scendere in tranquillità dalle piattaforme mobili, queste attrezzature devono essere impeccabili sul piano della sicurezza. Per questo sono soggette a una rigida serie di normative che ne regolano l’uso e la manutenzione.

È l’associazione AISEM Federata ANIMA a diffondere le informazioni da conoscere e quali sono i criteri di idoneità per lo sbarco in quota. Vediamo quali sono i punti salienti e i criteri di scelta della piattaforma di lavoro aerea che ne derivano.

La normativa dello sbarco in quota per le PLE

Nel documento AISEM sono contenute le disposizioni più importanti sull’uso corretto e sulla idoneità della piattaforma mobile per prevenire il rischio di incidenti sul luogo di lavoro e proteggere l’incolumità di persone e merci.

Anzitutto le piattaforme mobili elevabili (PLE) devono essere fabbricate in conformità con la norma UNI EN 280, che prevede il rispetto dei requisiti di sicurezza essenziali previsti nella Direttiva Macchine nazionale.

Il produttore ha l’obbligo di informare l’utilizzatore finale delle caratteristiche dell’attrezzatura, chiarire l’uso previsto e spiegare come eseguire la manutenzione.

Questo però non è sufficiente per autorizzare una piattaforma elevabile allo sbarco in quota di un operatore. Scendere dal cestello elevatore, infatti, è quasi sempre una pratica vietata ai fini della sicurezza del soggetto stesso.

Dall’altro lato, spetterà all’utilizzatore il compito di prevedere ogni misura di sicurezza sul luogo di lavoro.

Da leggere: le norme di sicurezza per le piattaforme aeree elevabili

Doveri del fornitore e dell’utilizzatore nello sbarco in quota da piattaforma mobile elevabile

Il fabbricante ha il compito di comunicare all’utilizzatore se lo sbarco in quota dalla ple sia consentito o no.

Nel caso in cui sia autorizzato il fornitore deve chiarire:

  • la modalità di utilizzo del punto di accesso alla piattaforma aerea;
  • i punti di ancoraggio al sistema anticaduta (se previsto);
  • le prescrizioni su carichi aggiuntivi;
  • l’eventuale rischio oscillazione della piattaforma.

Dall’altro canto, tocca al lavoratore:

  • valutare le condizioni dell’area di sbarco;
  • scegliere le protezioni anticaduta più adatte;
  • decidere la modalità di trasferimento dalla piattaforma mobile all’area di sbarco;
  • verificare la capacità di carico;
  • gestire eventuali emergenze.

Piattaforme mobili con cestello: chiedi a MGA

MGA è il  tuo partner per il lavoro nelle province di Asti, Alessandria, Genova, Imperia e Savona. Oltre alla fornitura di carrelli elevatori, capannoni e scaffalature, macchine per la pulizia industriali, gru e mezzi operativi forniamo anche la vendita e il nolo piattaforme in tutta la Liguria e il Basso Piemonte, con la più ampia gamma di attrezzature industriali su misura per ogni necessità.

Per maggiori informazioni, per una consulenza su misura o per conoscere i nostri servizi chiedi subito un preventivo compilando il modulo di contatto qui sotto.

Risposta immediata e gratuita in 24 ore!

Potrebbe anche interessarti:

Carrelli controbilanciati Linde: la nuova generazione interconnessa e efficiente

novembre 14th, 2019|Carrelli elevatori, News|

Linde lancia la sua nuova gamma di carrelli controbilanciati alzando ancora l’asticella delle performance, della tecnologia e della sostenibilità. I modelli della serie 1202, che comprende le versioni da H20 fino a H35, sono collegabili [...]

2019-10-03T08:56:45+00:00