VENDITA - NOLEGGIO - ASSISTENZA | +39 0143 80169 | [email protected]

Carrello retrattile: funzionamento e campi d’applicazione

Home » Carrelli elevatori » Carrello retrattile: funzionamento e campi d’applicazione

Gestire la merce in magazzino spesso richiede molte operazioni e manovre. Le superfici logistiche sono costose e negli ultimi anni le aree di stoccaggio sono diventate sempre più strette, con scaffalature molto più vicine tra loro e sviluppate in altezza. In risposta a questo cambiamento il mondo dei carrelli elevatori ha visto imporsi maggiormente il modello retrattile, adatto proprio a queste condizioni.

La ragione di tanto successo sta nel fatto che il carrello retrattile è un mezzo di movimentazione agile e altamente manovrabile. Rispetto ai tradizionali muletti l’operatore è posizionato a lato delle forche, all’interno di una cabina molto più stretta e slanciata. Grazie al suo meccanismo di picking e trasporto meno ingombrante della categoria è l’attrezzatura più raccomandata per chi deve movimentare merce pesante in spazi angusti, e non solo pallettizzata.

Come funziona esattamente il carrello elevatore retrattile? E in quali contesti va preferito agli altri modelli? Vediamolo insieme in questa guida.

Come funziona un carrello retrattile

Il meccanismo di funzionamento del carrello retrattile è simile a quello degli altri carrelli elevatori, con la differenza che il prelievo e il trasporto vengono gestiti nell’ottica dell’ottimizzazione degli spazi.

Montante e forche sono contenuti nel volume del telaio e con carrello in movimento sono a contatto con la cabina guida laterale, più arretrate rispetto alle ruote frontali.

Al momento del prelievo, un meccanismo porta in avanti la colonna del montante, che può sporgersi mantenendo fissa la posizione del muletto. In alternativa, il carrello può portare le ruote frontali sotto la scaffalatura, guadagnando molto spazio per arrivare a prelevare la merce.

Una volta preso il carico interessato, forche e montante si ritraggono tornando nel punto di partenza (da qui il nome carrello retrattile).

In fase di trasporto, l’operatore abbassa le forche quasi a terra per avere maggiore stabilità e prosegue verso il fondo dello scaffale.

Il funzionamento intelligente e maneggevole del carrello retrattile assicura un lavoro particolarmente efficiente nei magazzini alti e scaffalati. Questo anche grazie ai sistemi di visualizzazione e guida assistita, che permettono all’operatore di muoversi in modo rapido e sicuro.

Alcune aziende come Linde hanno già messo a punto anche il carrello retrattile automatico, che consente manovre a 360° completamente automatizzate e in spazi contenuti.

Campi di utilizzo

I carrelli retrattili possono raggiungere altezze massime di circa 14 metri e portate fino a 2500 kg, un range importante che offre molte possibilità di applicazione.

Il “regno” del carrello elevatore è un magazzino dotato di scaffalature molto alte e corsie strette, ma risulta essere performante anche in spazi ampi dove servono manovre veloci o un mezzo logistico manovrabile.

Esistono anche carrelli elevatori retrattili per applicazioni speciali, come il trasporto carichi molto voluminosi con una portata maggiorata. Le imprese che operano nella catena del freddo possono scegliere una versione di carrello retrattile per celle frigorifere, oppure con portiera antivento e riscaldamento del sedile per l’impiego all’esterno.

Da sottolineare infine la possibilità di utilizzare il muletto retrattile anche quando la merce non è pallettizzata. Il carrello retraibile infatti è perfetto per passare tra le corsie con materiale lungo e ingombrante, come tubi e pannelli, prelevando e stoccando su scaffali cantilever. Infatti, oltre alle sue dimensioni contenute, le ruote leggermente sporgenti rispetto al montante permettono all’operatore di appoggiare carichi lunghi sulla parte bassa, senza tenerli in equilibrio.

Carrelli retrattili Linde: chiedi a MGA

MGA è il  tuo partner per la logistica nelle province di Asti, Alessandria, Genova, Imperia e Savona. Come concessionario unico Linde MH per la Liguria e il Basso Piemonte, offriamo la più ampia gamma di carrelli retrattili Linde per corsie strette, su misura per ogni necessità.

Per maggiori informazioni, per una consulenza su misura o per scoprire i prezzi dei nostri prodotti chiedi subito un preventivo compilando il modulo di contatto qui sotto.

Risposta immediata e gratuita in 24 ore!

Potrebbe anche interessarti:

Reach stacker: carrelli elevatori per container e per aree portuali

settembre 12th, 2019|Carrelli elevatori|

Spostare enormi quantità di merci impone una strategia logistica speciale. Le grandi aziende internazionali ricorrono al metodo di trasporto intermodale, sfruttando i canali su nave, gomma o rotaia per raggiungere tutto il mondo. Stoccare [...]

La scheda Inail 2019 contro gli infortuni con i transpallet

settembre 5th, 2019|Carrelli elevatori, News|

Sono oltre 8.200 i casi di infortuni mortali e gravi che tra il 2002 e il 2015 hanno coinvolto operatori e transpallet di magazzino. Il dato emerge dall’ultimo fact sheet pubblicato dall’Inail, l’Istituto nazionale Assicurazione [...]

Carrello retrattile: funzionamento e campi d’applicazione

agosto 29th, 2019|Carrelli elevatori|

Gestire la merce in magazzino spesso richiede molte operazioni e manovre. Le superfici logistiche sono costose e negli ultimi anni le aree di stoccaggio sono diventate sempre più strette, con scaffalature molto più vicine [...]

Mercato carrelli industriali: ecco la Scheda Informativa ANIMA 2019

agosto 1st, 2019|Carrelli elevatori, News|

Il mercato italiano dei carrelli elevatori cresce anche nel 2018. È quello che emerge dalla Scheda Informativa 2019 pubblicata da ANIMA/AISEM e ASCOMAC/UNICEA, le principali associazioni di categoria a cui aderiscono tutti i maggiori costruttori [...]

2019-08-20T11:49:09+00:00